Visualizzazioni totali

Follow by Email

giovedì 15 maggio 2014

Tradire e fare

Chi non ha mai tradito scagli la prima pietra. Magari sulle corna del proprio compagno.
Perché c'è poco da fare, la fedeltà è soltanto un contratto sociale la cui percentuale di rispetto può essere assimilata a quanti pagano il canone rai. Ovvero una sparuta minoranza.
Che spesso, peraltro, pur pagando per un solo televisore ha più apparecchi in più case.
E torniamo al punto di partenza, all'ubiquità dei rapporti, alla pluralità dei piedi e delle scarpe, agli armadi/ossario ormai saturi di scheletri.
Eppure bisognerebbe pensarci bene, molto bene, prima di tradire.
Tornerebbe utile la riflessione di Groucho Marx, "non accetterei mai di far parte di un club che mi volesse come socio". La persona che scegli come amante dovrebbe darti di più di quel che hai.
Ma quella che accetta di stare con te, pur sapendo che hai già un compagno o una compagna, non è certo una brava persona, anzi, una rovinafamiglie! E allora è proprio quella giusta per te?
E quella che pur essendo molto attratta da te non accetta perché non lo trova moralmente giusto, è una persona migliore, sarebbe quella ideale! Però non vuole. Allora tu la corteggi, insisti, vorresti convincerla, ti inventi le più romantiche capriole fino a conquistarla, e allora lei, sfinita, cede.
E rientra immediatamente nella categoria precedente!
Insomma è un circolo vizioso, che a un certo punto la devi smettere e basta.
Ti siedi sul balcone, con un buon libro e un ottimo punto di osservazione.
Qualcosa succederà, anche se tradire e fare...

Nel frattempo, avvinto dalla trama intricata del romanzo e da questi contorti pensieri, non ti sei accorto che si è fatto piuttosto tardi, e tua moglie non è ancora rincasata...

9 commenti:

  1. non so bene se il tradire sia connaturato alla condizione umana, antropologicamente parlando penso di si.
    l’impulso a cercare qualcosa di meglio sembrerebbe effettivamente essere la più logica delle motivazioni, in questo senso. ma, dato per assodato che non rischiamo l’estinzione, la ricerca spasmodica di miglioramento della specie sembra essere scivolata in secondo piano, soppiantata dalla meno nobile e più elettrizzante ricerca di qualcosa di diverso. l’essere umano di norma si annoia, e pure in fretta - di ciò che ha. e poiché questa regola è universalmente riconosciuta e tacitamente assodata coloro che riescono – con fatica – a derogarvi vengono guardati a volte con ammirazione, più spesso con compatimento.
    … certo starsene per proprio conto sul balcone a legger libri e meditare non è che aiuti il coniuge a derogare… :))
    buona giornata. m.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ... Puoi venirmi a trovare, c'è una bella vista comunque. E fedeli al post non andremo mai al dunque ;)

      Elimina
    2. fedeli due volte, dunque. decisamente contro corrente, contro natura...
      contrordine?
      :D
      m.

      Elimina
    3. "Nei secoli fedeli", come il motto dei Carabinieri! :))

      Elimina
  2. ...il tradimento lo conosco, perchè da adolescente fui tradita. Poi non ebbi più nulla a che fare con la questione. Per una mera questione d'amor proprio non tradisco, e lascio che il mondo vada un po' come gli pare, che tanto io mica riesco a fermarlo.

    SAM

    RispondiElimina
  3. Diciamo che non tradisci per tradizione :)

    RispondiElimina
  4. Conosco il tradimento. In entrambi i sensi.

    RispondiElimina