Visualizzazioni totali

Follow by Email

domenica 22 ottobre 2017

L'arte dell'incontro.

"La vita, amico, è l'arte dell'incontro", scrisse una volta qualcuno, che poteva essere Vinicius de Moraes, Giuseppe Ungaretti o Sergio Endrigo. O magari tutti e tre insieme. 
Ed è verissimo. 
Perché l'incontro che ti cambia la vita non è una mera casualità, non credete alle sciocche leggende sull'esistenza del destino. Il proprio percorso va costruito, minuziosamente. 
La persona che ti piace sul serio, con cui vuoi costruire una vita insieme, non ti basta incrociarla per caso nella metropolitana e innamorarti del romanzo che sta leggendo, facendo in modo - come scrisse David Foster Wallace - di farti piacere prima le cose e poi la persona a cui piacciono (per poi, in seguito, fare l'esatto contrario).
Certo, questo succede, eccome. Ma poi devi lavorarci. 
E non devi fare come me, che ad una splendida ragazza in treno che leggeva Io uccido di Faletti e non mi dava retta, al momento di scendere le confidai che l'assassino era il dj.
Come Troisi in Ricomincio da Tre, devi invece fare in modo di incontrarla ancora, e parlarle. E per questo ci vuole impegno, fosse anche una corsa spericolata intorno all'isolato, dopo averla vista, per spuntarle davanti, così, per caso. Affrontando anche il rischio di non riuscire a spiccicare una parola a causa del fiatone, e di rimanere piegato con le mani sulle ginocchia, mentre lei, magari prendendoti per pazzo, se ne va senza dire una parola. 
Ma se sei fortunato, anche in quel caso, dove te la sei giocata effettivamente maluccio, potrebbe sfuggirle un sorriso. E allora, davvero, quell'incontro sarà diventato arte. 
E, dunque, vita.

8 commenti:

  1. È un lavorio da formica, ventiquattr'ore al giorno, sette giorni su sette. Per le donne, almeno, è così. Gli uomini han vita più facile forse, perché le donne si abbagliano e ci vuole un po' perché tornino a vedere chiaramente. In quel momento l'uomo si può anche prendere una pausa senza che lei se ne accorga.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Apprezzo molto questo commento. Secondo me descrive perfettamente le meraviglie (e la fragilità) di una donna innamorata. Grazie, Lisa 😊

      Elimina
  2. Potrei scrivere un libro sugli abbagli, gli innamoramenti, i casi del destino che scambiamo per segnali divini, i segni realmente divini, invece, che non ci smuovono manco per striscio. L'amore è un lavoro serio, lungo; una missione pericolosa e coinvolgente. Possiamo prenderlo sul serio e dedicarci una vita, da una carezza setata fino a stringere una mano rugosa. Oppure pensarla diversamente.
    Non ci è dato sapere chi sbagli.
    Ci è concesso solo crederci. E insistere a correre attorno agli isolati, anche per rincontrare sempre Lei.

    RispondiElimina
  3. “Se non ci fosse lei...”, cantava Bennato venticinque anni fa, ed è proprio così. Il primo motore immobile, secondo Dante.
    Ho citato due grandi, il terzo lo citerò quando avrai scritto quel libro 😉
    Grazie della testimonianza

    RispondiElimina
  4. Buon Natale Giovanni... qui vale più che su un frenetico facebook... ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai ragione, ma in fondo l’importante è essere se stessi 😉
      Scusa il ritardo, spero sia stato un Natale sereno. Grazie di cuore

      Elimina