Visualizzazioni totali

Follow by Email

giovedì 18 gennaio 2018

Quel che non ti serve

Sono la porta che si apre
Il telefono che squilla.
Il conforto che di solito non trovi.
La passione algida. 
La camomilla.
Il pensiero per poter dormire sola.
La forza per alzarti ancora
e vedere come andrà a finire.
Sono il verso di quella canzone,
l’uomo da paragonare, 
l’occhiolino del ciclone.
La sedia da spostare 
per farti accomodare.
L’invito ad una festa
per non doverci andare.
L’insonnia prima di partire.
Un bene necessario.
La mappa del tesoro.
La X sul calendario.
Sono quello che non vuoi 
e quello che ti manca.
L’ironia.
La poesia.
Il disincanto.
Sono quel che non ti serve.

Perché c’è l’hai già accanto.

5 commenti:

  1. Quello che abbiamo accanto ci aiuta ad andare avanti, senza rumore e senza troppe eco, è come un motore silenzioso.. ma se stai male, se qualcosa non quadra, ti accorgi all'improvviso di aver smarrito un bene necessario, un verso su un pezzo di carta, un sorriso che non credevi.
    O anche un post di un amico che credi di non conoscere. ;)

    RispondiElimina
  2. “Quello che non ho”, cantava un po’ di anni fa qualcuno che se ne intendeva. E che alla fine di una canzone si domandò: meglio lasciarsi o non essersi mai incontrati? Hai ragione, Franco, le risposte vengono facili solo nella sofferenza. C’è chi ci trova persino Dio, che forse aveva già accanto, ma non gli serviva ancora.

    Grazie di apparire ogni tanto in questo deserto. Come un’oasi o un miraggio ☺️

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Appari tu piacevolmente... io non faccio altro che riflettere.. (in tutti i sensi..)

      Elimina
  3. Risposte
    1. Le ispirazioni sono nell’aria, basta saperle inspirare 😊

      Elimina