Visualizzazioni totali

Follow by Email

venerdì 6 gennaio 2012

onlus

Uno dei mali che affliggono la nostra società moderna è la depressione.
Il confronto spesso impietoso con il successo degli altri mette a dura prova la nostra autostima.
Quante volte ci si sente sprecati, sottovalutati... E l'umore, inevitabilmente, crolla.
Ognuno di noi dovrebbe impegnarsi a dare una mano, perché si tratta di un male oscuro che miete sempre più vittime, specialmente in tempi di crisi come questi.
E io, in questo 2012, voglio darmi da fare nel mio piccolo ad aiutare tutti coloro che pensano che la loro vita non valga la pena di essere vissuta, facendo in modo che possano sentirsi meglio, che possano smettere di sentirsi i più infelici, c'è chi sta peggio, e non bisogna buttarsi giù. La parola magica è "confronto".

La notte di capodanno avevo la febbre (il 34° giorno di febbre, per la precisione), e sono andato a letto alle undici e venti. Non pare sufficiente a rivalutare la vostra condizione?
Allora sappiate che fino ad allora avevo atteso il nuovo anno guardando il programma di raiuno con Carlo Conti, il cui ospite più vivace era Edoardo Vianello; bella lotta, però, coi Dik Dik che festeggiavano in diretta il secolo di carriera cantando canzoni, appunto, dei loro inizi.

La befana ha portato cenere e carbone nel vero senso della parola.
Ad una mia zia stanotte si è incendiata la casa.

E io nella calza stamattina ho trovato un piede.







6 commenti:

  1. In effetti, facendo un confronto con la tua condizione, non so se consolarmi o se sentirmi ancora più depressa perchè vedo che anche al resto del mondo va da schifo! :P
    Se tutto questo è vero, piena solidarietà, però... mi vien da dire, la TV la potevi spegnere, che forse ti passava prima anche la febbre. :)
    SAM

    RispondiElimina
  2. Sam, ma non hai ancora capito che quello che scrivo nei post è solo fantasia?? Ma mi fai davvero così sfigato?? La notte di capodanno ho guardato Barbara D'Urso su canale 5 :))

    RispondiElimina
  3. Beh...sai... io a capodanno lavoravo e avevo davvero la febbre... e non mi sentivo tanto, tanto sfigata... solo sfigata... e basta. Ma il dettaglio che aggiungi fa nascere in me quell'istinto materno che si potrebbe dedicare ad un cucciolo buttato fuori dal finestrino ai bordi della tangenziale in una notte buia e tempestosa. Con questo non voglio dire nulla sulla tua condizione... solo vorrei dire che mi dispiace, molto, sinceramente, e che ti son vicina.
    SAM

    RispondiElimina
  4. ma l'istinto è quello di chi raccoglie il cucciolo o di chi lo butta fuori???

    RispondiElimina
  5. la dentiera lucidata del cantante dei dik dik è l'unico ricordo degno di essere menzionato del mio personalissimo 2011. grazie dik dik.

    RispondiElimina
  6. Ambedue...dipende molto dall'umore, devo dire.
    SAM

    RispondiElimina