Visualizzazioni totali

Follow by Email

giovedì 1 marzo 2012

non dirgli mai

C'è un cd di Mark Knopfler, c'è una macchina veloce,
c'è la voglia di andare via e non tornare più.
E la strada scorre, dai finestrini la mia vita di ieri e di oggi.
La banca che gode del mio scoperto.
Il benzinaio col gasolio a 1,80.
La casa di quella donna che una volta era la mia ragazza.
Il liceo dove meritavo 60 ma ebbi 48
perchè mio padre era un postino e non un avvocato.
L'edicola che ha sempre finito i miei fumetti.
Il gatto nero che non riesco ad investire.
Le targhe delle auto che mi stanno davanti,
lo sciocco giochino della somma dei numeri che danno sempre lo stesso risultato.
Quel vecchietto che chiede sempre il passaggio, dove mai dovrà andare ...
E l'aria calda, le zanzare redivive,
dove cazzo se ne stanno in inverno? chi le ha mai viste?
loro sì che hanno trovato il modo di ricaricare la spina
lontano da tutto e da tutti
mentre io, chiuso in macchina, farfuglio appresso al cantante
col mio inglese fortemente campano,
e mi illudo in questi dieci minuti di traffico in centro prima di arrivare al lavoro
di riuscire ad andare via e non tornare più.

E intanto il tempo passa, si avvicina il mio quarantatreesimo compleanno, e, a 24 ore di distanza quello dei sette anni di mia figlia. Che, previdente, sul suo diario alla data del 10 marzo, ha scritto: "ricordarsi di divertirsi".

Mai che ci avessi pensato io, il solito smemorato.

P.S. Il titolo di questo post è una canzone di Gigi d'Alessio, per la sola ragione che il titolo dell'ultimo post era una frase di Lucio Dalla e proprio stamattina abbiamo visto com'è andata a finire.

4 commenti:

  1. speriamo che non abbia conseguenze mark knopfler...

    RispondiElimina
  2. Come va a finire, lo si sa. Finisce sempre così, neanche a farlo apposta!Però ci si può divertire, nel frattempo. E se a sette anni bisogna segnarselo per ricordarselo mi vien da dire che c'è qualcosa che non funziona nel mondo che ci sta attorno. Allora sai che ti dico? Mi dedico a un mondo altro, anche se tutti mi dicono che non si fa, che non è da persone mature, me ne fotto e me ne vado via! Proprio così...tutte le volte che trovo un varco, ci entro e sparisco!
    SAM

    RispondiElimina
  3. @ilarie ... magari va a finire sotto una macchina di uno che sta guidando ascoltando le sue canzoni! :)

    @sam ... puoi consigliarmi qualche varco last minute?

    RispondiElimina
  4. Certo, la primavera ne offre parecchi; io li trovo di notte, sono assolutamente alla portata di tutte le tasche e ci metti un amen per arrivare dove devi arrivare. E' sufficiente chiudere gli occhi e lasciare che ti portino. Poi magari ti svegli e ne scrivi, che è un po' come riviverli.E se invece vuoi andare lontano lontano, allora non ti devi svegliare mai, non del tutto. Come se la realtà schifosa non ti riguardasse, mentre tu te ne stai nel tuo posto speciale. Questo funziona come schermo magico sopratutto se sei in posti proprio schifosi in compagnia di mostri proprio brutti.
    SAM

    RispondiElimina