Visualizzazioni totali

Follow by Email

venerdì 7 settembre 2012

Pig brother

Nell'epoca di Instagram, della mania di fotografare tutto e tutti in qualsiasi circostanza e di postare le immagini sui social network, io sto con i fotografati inconsapevoli.

Sono loro, le persone sullo sfondo delle foto fatte ad altri, i genuini testimoni del nostro tempo.

Poveri cristiani che si stanno facendo tranquillamente i cazzi loro, che magari si trovano anche a guardare nell'obiettivo, senza rendersene affatto conto. Gente che ha un certo languorino, che pensa al mutuo, che ha un prurito, che sta trattenendo una scorreggia (o magari l'ha pure mollata, non lo sapremo mai, almeno fino alla nuova app di instagram con il sensore olfattivo), e senza volerlo si ritrova catapultata sotto gli occhi di tutti noi social voyeur, sublimi cristallizzazioni di un attimo di verità, merce ormai rarissima in questa società dove è tutto posato, artefatto, da quando il Grande Fratello, sotto forma di videosorveglianze, satelliti, smartphone ecc., ci costringe ad un'attenzione costante cui deve necessariamente soccombere la spontaneità.

Vi adoro, ignari passanti, e vi sono apertamente solidale.

Io che, da sempre, nelle rarissime fotografie cui ho dovuto sottostare, ho lo sguardo e l'imbarazzo di chi avrebbe voluto (e dovuto, visti i risultati) essere sicuramente altrove.

6 commenti:

  1. Mi associo in pieno. Non so dire altro, se non che pure io avrei voluto essere sempre altrove. Anche quando non mi fotografavano.Così, per principio!
    SAM

    RispondiElimina
  2. Non è vero, anzi credo che nelle foto degli altri avrebbero guardato solo te ;-)

    RispondiElimina
  3. Questa cosa che mi dici, mi inquieta... io son fra quelli che pensano che le fotografie rubate rubano l'anima delle persone. Anche gli indiani d'America lo pensavano... e visto che vedo tante facce senz'anima in giro per la rete, c'è da crederci! :(
    SAM

    RispondiElimina
  4. ... se te la sei presa, scusami... forse non è che sono senz'anima loro, forse è la qualità delle foto, i fotografi pessimi, non so...
    E' che mi imbarazza quando "guardano solo me". Sarei capace di arrossire anche in fotografia! Veramente! Abbi pazienza. Che fai? Non posti?
    sam

    RispondiElimina
  5. Ecco, ho capito, la smetto di guardarti.
    (in realtà disobbedirò e continuerò a farlo, soltanto senza fartene accorgere) :)

    Non me la sono presa affatto, e in effetti, pur rileggendo tutto, non riesco neppure a capire per cosa avrei potuto prendermela!

    RispondiElimina
  6. ..ma per sto fatto che io sono come gli indiani d'America,no? A qualcuno dà molto fastidio che io sia come gli indiani d'America... e mi continuano a dire di non fare l'indiana d'America, di smettere di fare l'indiana d'America ecc... ecc... E ma loro non lo sanno che io sono come gli indiani d'America VERAMENTE, e che non posso mica smettere. Sarebbe come chiedere a te di essere il contrario di niente, mentre lo sappiamo tutti che sei il contrario di tutto. Voglio dire, non si può rinnegare una condizione imprescindibile, no? No? No.

    PS oggi va così... pardòn (e non chiedermi perchè ti chiedo pardòn, per cortesia)
    sam

    RispondiElimina