Visualizzazioni totali

Follow by Email

domenica 21 aprile 2013

Scrivo per dimenticare

Perchè si scrive? Per quanto mi riguarda, per un insieme di bisogni.
Per scacciare i miei demoni, per esorcizzare le paure.
Per il mio ego, per sentirmi apprezzato.
O per capire i miei limiti.
Ma anche per lasciare qualcosa di duraturo.
Anche se sono solo caramelle, che per loro natura dopo un po' si sciolgono.
 
Scrivo di avventure che non ho vissuto, di posti in cui non sono stato.
Posti dell'anima, soprattutto, come un Salgari psicoanalitico.
Dove Mompracem, la Tigre e la bella Marianne sono tutti nelle mie dita.
Sì, per tutte queste cose.
 
Ma stamattina, di domenica, piuttosto che, come sarebbe stato d'uopo, essere a crogiolarmi nel talamo, o a grattarmi l'ombelico, o a passeggiare sotto la pioggia in una piazza vuota e geometrica alla De Chirico, o a fumare oppio da un narghilè  (altro che sigaretta elettronica), o dipingere a olio un paesaggio lunare sorseggiando assenzio, sono invece ingobbito alla scrivania perché devo preparare un atto urgente che devo portare in Tribunale domattina.
Perciò, il fortissimo desiderio di scrivere questo post mi è sorto soprattutto perché mi sono proprio completamente rotto i cabasisi.
Come direbbe Montalbano, che poi la prima puntata l'altra sera non mi è neppure piaciuta granchè, forse era meglio che l'atto lo scrivevo in quelle due ore buttate.
E così ora potevo stare a leggere con maggiore attenzione il bugiardino dei farmaci e la scadenza dei cornetti che ieri mattina mi si è messo allo stomaco e grazie era scaduto a dicembre, a coltivare le ortiche nell'orticello sotto casa, a togliere le ragnatele dagli angoli della mia coscienza, a raddrizzare quel quadro che forse però è colpa della puntina, a passare il folletto sulla polvere accumulata, povero esserino del piccolo mondo, speriamo non sia allergico, mi auguro che il rappresentante prima di venderlo gli abbia fatto le prove.

6 commenti:

  1. ...in particolare mi ha colpito l'orticello coltivato con le ortiche. :) Bello! Ma anche il quadro con la polvere... mi ci ritrovo un po' in tutto, anche nei cornetti scaduti. Penso tuttavia che all'atto per il tribunale sia da preferire Montalbano, anche se fa cagare (e io non lo so se fa cagare, che non l'ho visto).
    Stilepessimo

    RispondiElimina
  2. ha fatto cagare, ed anche le ortiche, per la verità, mia mamma le lessa e poi fa anche le frittate, buonissime.
    Anche se la ragione della coltivazione dell'orticello era nell'altro post :)
    Ottimostileinveceperchépessimo?

    RispondiElimina
  3. ...tua mamma sa cosa è buono e che cosa fa bene... mica per niente è la mamma (la tua). Stilepessimo perchè piove sempre e fa sempre freddo e lo so, è noioso, ma è pessimo per questo come stile... di vita. Un vita uggiosa.

    RispondiElimina
  4. dovresti trasferirti da me, qui c'è quasi sempre il sole.
    Fuori. :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ok, che se c'è il sole fuori, allora io c'ho più sole dentro; me ne basta anche solo un paio d'ore al giorno, purché ci sia.
      Stileliofila

      Elimina
  5. ...non è che stai ricordando troppo?

    RispondiElimina