Visualizzazioni totali

Follow by Email

mercoledì 22 maggio 2013

C'est plus facile

Sì, sì, rapitele e tenetele segregate in uno scantinato!
Vuoi mettere il tempo che si perde a conquistare una donna, anni di fiori, telefonate, battute tendenzialmente simpatiche, idee per sorprenderla, protezione, carezze, sorrisi, pensieri, e tutto questo per riuscire finalmente a convincerla a passare la vita con te?

Sì, sì, stupratele!
Vuoi mettere la fatica a convincerle ad uscire insieme, ad essere gentili, cortesi, interessanti, attraenti, per sperare che poi a fine serata della decima uscita magari c'è la speranza di riaccompagnarla a casa e chissà ...
Invece con lo stupro non c'è neppure la necessità di fare in modo che piaccia un poco anche a loro, e, ancora, non devi neppure lavarti prima, che è così demodè!

Sì, sì, uccidetele!
Ci mancherebbe che possano avere delle opinioni contrarie, che possano anche stufarsi di subire, o addirittura che smettano di amarvi. Così risolverete il problema una volta per tutte.

Sì, sì, fate tutto questo!
Ci mancherebbe che dobbiate anche essere uomini e non bestie, che purtroppo è così facile, a leggere i giornali in questi ultimi giorni. E in questi ultimi anni. E non solo. 





4 commenti:

  1. in the name of love.
    what more in the name of love?

    so che quel brano non fu scritto per lo stesso
    motivo. ma continuava a venirmi in mente leggendo
    il tuo post... m.

    RispondiElimina
  2. ...e sempre a proposito di canzoni a me leggendo il post ne è venuta in mente una che ho sentito ieri. Sembra cantata da Renato Zero anche se il testo mi pare alquanto "stupido" per essere davvero sua: un uomo porta la sua donna al mare e la lascia affogare con gran soddisfazione, essendosi lei macchiata di una serie di errori funesti tra i quali l'aver portato sulla spiaggia una serie di formaggi dall'odore intenso. Non so spiegarmi il senso di questo testo, soprattutto ora che l'argomento è così drammaticamente attuale: magari però, chessò, mi sfugge soltanto. Bax

    RispondiElimina
  3. Noi uomini non lo siamo più da tempo, uomini.

    RispondiElimina
  4. In the name of (old) love, è, invece l'ultimo post.
    Dove la violenza, per fortuna, è solo quella del tempo che passa.
    E di noi che passiamo il tempo.

    RispondiElimina